[et_pb_dcsbcm_divi_breadcrumbs_module _builder_version=”4.3.4″ fontsbreadcrumbs_font=”Raleway||||||||” global_module=”3056″ saved_tabs=”all”][/et_pb_dcsbcm_divi_breadcrumbs_module]

Attacco di panico notturno e risvegli: cosa fare

da | Ott 24, 2017 | Le varie forme dell'ansia | 7 commenti

Emanuele, 33 anni

“Mi capita spesso di svegliarmi tra le 3 e le 5 di notte. Mi sveglio con una intensa sensazione di ansia, guardo l’orologio consapevole già di che ora sia e penso ‘ci risiamo!’ e da lì comincia il calvario: sento come se ci fosse qualcuno appoggiato alla mia schiena e delle presenze strane nella stanza. Mi ritrovo improvvisamente nel bel mezzo della notte solo, con il cuore che batte forte, con una sensazione di fragilità legata ad una grande impotenza. Passano ore prima che riesca ad addormentarmi nuovamente e la mattina, quando suona la sveglia, faccio fatica ad alzarmi ed andare a lavorare”.

Cosa sono e come si manifestano

I risvegli notturni, chiamati anche attacchi di panico notturni, si manifestano con il risveglio improvviso dal sonno accompagnato da profonda angoscia, tachicardia, sudorazione, fiato corto, tremori, vampate di caldo, dolore al petto.

Dopo questa prima fase il soggetto avrà difficoltà a riaddormentarsi, rimanendo concentrato sul suo stato psicofisico per paura che queste sensazioni si possano ripresentare.

A differenza dei classici attacchi di panico diurni, questi sono molto difficili da diagnosticare, molte persone non riescono a darsi una spiegazione. Inoltre, mentre nei casi di attacco di panico diurno il soggetto è vigile, consapevole e può mettere in atto comportamenti per prevenire l’attacco o proteggersi, nell’attacco di panico notturno egli si trova impotente ed al buio, in una condizione di maggiore fragilità ed impotenza.

In più il suo stato di coscienza non è lucido quindi è tutto più difficile da gestire e le sensazioni di pressione al petto o ai polmoni potrebbero essere interpretate come la presenza di “forze occulte” o la paura di morire.

In alcuni casi la persona potrebbe vivere in uno stato di allerta continuo, soprattutto nelle ore prima di addormentarsi, per la paura che i sintomi possano manifestarsi nuovamente. Questo stato farà in modo che il sonno diventi ancora più leggero (se c’è pericolo il corpo attiva le sostanze per stare svegli!) con una maggiore probabilità di risvegliarsi.

Gli attacchi di panico notturni sono molto più frequenti di quello che si possa immaginare: diversi studi hanno dimostrato che il 60% di persone che soffrono di attacco di panico almeno una volta hanno sperimentato quello notturno.

Differenza tra attacco di panico notturno e terrore da incubo

La prima differenza è l’ora in cui questi avvengono: gli attacchi di panico solitamente si manifestano tra la mezzora e le tre ore dopo essersi addormentati, quindi nella fase del sonno non-rem. Il terrore notturno avviene nella fase rem ed è dato da un incubo.

Nel disturbo da terrore notturno, appena la persona prende consapevolezza che ha avuto un incubo si calma e riesce ad addormentarsi. Nell’attacco di panico ci sono solamente sensazioni, non c’è ricordo di un sogno, ed è proprio questa sensazione di ansia che non permetterà alla persona di rilassarsi e riaddormentarsi.

Possibili cause dell’attacco di panico notturno

L’attacco di panico notturno, come quello diurno, è un sintomo che sta ad indicare che qualcosa nella nostra vita non sta andando nella direzione giusta.

Una condizione comune tra le persone che soffrono di attacchi di panico notturno è lo stress: tensione e nervosismo fanno si che il corpo aumenti la produzione di adrenalina e cortisolo. In questo modo la persona vivrà una condizione di allerta continua, con una predisposizione maggiore ai risvegli in preda al panico.

Dopo qualche notte insonne subentra la paura anticipatoria (paura dei risvegli) e questo non farà altro che rendere il soggetto ancora più sensibile ed in allerta. E si entra in un circolo vizioso che si potrà interrompere solamente con la consapevolezza di ciò che sta succedendo.

Cosa fare durante un attacco di panico notturno

Come scritto in precedenza, è molto difficile riprendere sonno dopo un risveglio in preda al panico poiché il nostro corpo è inondato di adrenalina, un ormone che aumenta la vigilanza. È deducibile quindi che stare a letto aspettando che torni il sonno non è il giusto rimedio.

Una cosa che si potrebbe fare è quella di alzarsi e portare avanti un’attività noiosa (pulire qualcosa, leggere un libro pesante, etc…). Il corpo a questo punto apprende che siamo fuori pericolo e si rilassa.

Successivamente, tornato a letto, cerca di autocalmarti attraverso il respiro consapevole: ascolta il respiro e cerca di portare l’aria più in profondo che puoi fino ad addormentarti. Per imparare a respirare col diaframma leggi anche questo articolo: “la respirazione diaframmatica”.

Consigli per prevenire gli attacchi di panico notturni

  • Non ignorare la possibilità di problemi medici. Parlane col medico di base ed assicurati di non avere malattie respiratorie. Per esempio l’apnea notturna fa credere di avere attacchi di panico perché i sintomi sono molto simili (tachicardia, aumento della pressione sanguigna).
  • Rivolgiti ad uno psicoterapeuta per approfondire cosa c’è che non va nella tua vita e provare a risolverlo. Dato che l’attacco di panico notturno è un sintomo, è importante capire cosa ci sta comunicando.
  • Evita di aspettarti che stanotte tornerà il panico. Non aspettare il sonno pensando a quel che succederà, anche se hai paura. Fai qualcosa per distrarti.
  • Cerca di arrivare alla sera fisicamente sfinito. Pratica sport, fai dei lavori in casa. Esaurisci le energie fisiche prima di addormentarti.
  • Cerca rimedi naturali. Tisane, camomilla, infusi per alleviare la tensione. Chiedi consiglio in erboristeria.
  • Evita l’uso eccessivo di psicofarmaci ed alcol nel tentativo di agevolare il sonno. Solitamente queste strategie non fanno altro che alimentare il problema.
  • Riduci al minimo bevande eccitanti come il caffè o drink energizzanti.

Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

Guarda i risultati!

Loading ... Loading ...

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...

Dott.ssa Pamela Busonero

Psicologa Psicoterapeuta, riceve a Firenze in Piazza Indipendenza 21

Comunicazione

Si avverte che, per evitare il contagio del Covid-19, lo studio resterà chiuso fino a nuova ordinanza.

Resto disponibile per le consulenze online tramite Skype, puoi prenotare il tuo appuntamento accedendo all’agenda qua sotto o chiamando il numero 380-3158706.

Prenota:

Pamela Busonero - MioDottore.it

Consulenza Online

Disponibile anche per consulenze online tramite Skype o WhatsApp.

Per saperne di più clicca su questo link. 

“Impara a gestire Ansia e Attacchi di Panico”

A breve sarà online il mio corso su Ansia e Attacchi di Panico!

Per informazioni o per prenotare la tua copia scrivimi liberamente utilizzando il form dei contatti

Dove sono:

Eventi gratuiti Firenze

7 Commenti

  1. Valentina

    Mi è capitato ieri notte e sono caduta dal letto facendomi male. Continuavo a urlare “mamma mamma aiuto, ho paura”. E tra poco che andrò a letto ho paura che succeda di nuovo. Comunque ne parlerò con lo psicoterapeuta. Grazie dei consigli.

    Rispondi
  2. paola

    La prima volta che ho avuto un attacco di panico notturno è stato terribile, sono finita in pronto soccorso. La cosa si è ripetuta più volta, adesso bene o male riesco a riconoscerli e ad evitare di farmi portare in ospedale. Nell’ultimo mese sto provando con i fiori di bach guna per provare non dico ad eliminarli del tutto ma almeno a renderli meno frequenti. La cosa mi è sembrata migliorare, vedremo in futuro come va.

    Rispondi
  3. DAVIDE

    mi addormento e alcune volte diciamo 2 a settimana di media mi sveglio di soprassalto , alcune volte con un battito cardiaco maggiore altre normale ..non mi sembra legato a incubi ..vivo un periodo della mia vita con tanti cambiamenti da gestire …una malattia di mia mamma ( alzheimar ) cambiamenti sul lavoro ..ecc ecc , sicuramente di notte lo stress non gestito e libero nei pensieri fa il suo percorso ….non prendo farmaci perche’non vorrei diventarne dipendente ..sbaglio ??

    Rispondi
    • Pamela Busonero

      Caro Davide, il momento che vivi è molto intenso e (penso) doloroso. Il panico notturno sta ad indicare proprio la sensazione di pericolo. Probabilmente la tua mente, programmata per trovare soluzioni, in questo momento è piena e non riesce a vedere vie d’uscita. I farmaci, oltre a dare dipendenza, non risolvono il problema. Al bisogno e sporadicamente qualcosa possiamo assumere (ansiolitici), in modo da essere più tranquilli, dormire meglio e affrontare la giornata con meno stanchezza. Se vuoi superare però il panico notturno sarebbe più efficace qualche seduta da uno psicoterapeuta competente che sappia indagare, insieme a te, sulla tua parte più profonda e spaventata.

      Rispondi
  4. Luca

    Salve da 10 anni ho avuto un infarto e come immaginerete la mia situazione psicofisica è peggiorata nel corso del tempo, in questo ultimo periodo trasformandosi in una vera e propria ossessione fino af arrivare appunto a stanotte con attacco nottirno . Ipocondriaco che per la prima volta sperimenta ADP a causa di una minzione notturna origine di ipertensione da accademia medica ma nel mio caso probalie azione fel cervello che si è addormentato con questo pensiero . Non è un buon periodo vengo fa un anno molto provante fal punto di vista lavorativo …ho provveduto a cambiare i piani per l anno futuro ma forsr ne pago il ptezzo afesso oltre alla depressione maggiore che cmq mi ga compagnia …..come posso uscirne ?

    Rispondi
    • Pamela Busonero

      Caro Luca, leggo che il periodo attuale è molto intenso e stressante, questo non facilita la situazione. La cosa positiva è che ha già provveduto a cambiare qualcosa, quindi la situazione probabilmente andrà a migliorare. Sembra comunque che ciò che le porta più ansia sia il fattore ipocondriaco, perché è ciò che spaventa di più e fa sentire quella sensazione di pericolo anche quando il pericolo non è reale. Sta già facendo un percorso psicoterapeutico? Prendersi cura di questa parte ipocondriaca, spaventata, capire da dove nasce e cosa le sta cercando di dire potrebbe aiutarla a superare il problema degli attacchi di panico notturni. Per qualsiasi altra informazione può anche contattarmi tramite la mail che trova nel form dei contatti.

      Rispondi
  5. Luca

    La ringrazio molto della risposta ….
    Sono gia stato in terapia in passato , con scarso successo , forse perchè non ho trovato la persona che mi stimolava in maniera giusta o forse perchè io non mi sono posto nel modo giusto, stò valutando di riprendere una terapia psicologica , anche se al momento sono in fase acuta , come gia detto prima spero da settembre di dare una svolta ad alcune cose che da tempo mi creano stress. Sembra che ogni mio sospetto di pseudo malattia poi trovi riscontro nella verità, stanotte per esempio l attacco di panico è scaturito dal fatto che mi sono svegliato per bisogno di andare in bagno e come saprà accade questo quando si soffre di pressione alta , anche se fino ad ieri non era mai accaduto, ma durante la giornata ho pensato molto a questo aspetto e probabilmente inconsciamente l attacco di panico ha trovato origine proprio in questo, e nel pensiero di un attimo avuto mentre mi svegliavo . Spero di essermi spiegato in modo corretto , e questi sono i meccanismi che poi mi rendono ipocondriaco .
    La ringrazio ancora tanto .

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.