Correlazione tra Depressione e Cortisolo

Correlazione tra Depressione e Cortisolo

Il Legame tra Cortisolo e Depressione

Il cortisolo è un ormone prodotto dalle cellule in risposta all’ormone ipofisario ACTH. È chiamato anche “Ormone dello Stress” perché la sua produzione aumenta in condizioni di stress psico-fisico (nel disturbo post-traumatico da stress, dopo esercizi fisici prolungati, dopo interventi chirurgici, etc…).

Con la sua azione, quest’ormone tende ad inibire alcune funzioni corporee per difenderne altre, e quindi:

  • aumenta la glicemia e riduce l’attività dei recettori insulinici,
  • inibisce la serotonina (ormone della “felicità”),
  • riduce le difese immunitarie,
  • accelera l’osteoporosi.

Digiuno prolungato favorisce l’ipercortisolismo (aumento produzione del cortisolo).

Durante i periodi di forte depressione sarebbe opportuno quindi tenere quest’ormone sotto controllo.

Per far ciò è bene seguire alcuni consigli pratici:

  • Alimentazione: consumare pasti piccoli in termini calorici, ma frequenti, per tenere a bada i livelli di glicemia. Di conseguenza sarebbe opportuno cominciare la giornata con una colazione abbondante privilegiando l’assunzione di carboidrati complessi (avena, cereali, farine integrali, etc..), mangiare più volte al giorno.
  • Attività fisica: è importante alternare esercizio fisico a riposo. L’attività fisica rimane molto importante, ma in eccesso può essere dannosa!
  • Integratori naturali: assumere magnesio, antidepressivo naturale. Esso stimola la produzione di serotonina. Anche il cioccolato fondente ha lo stesso principio!
  • Condurre una vita sana: passare meno tempo in casa (la luce artificiale non aiuta!) e sforzarsi di fare qualche passeggiata, bere molto, ridurre al minimo il consumo di caffeina e di alcool.

Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

Guarda i risultati!

Loading ... Loading ...

Dott.ssa Pamela Busonero, Psicologa e Psicoterapeuta Firenze

3 thoughts on “Correlazione tra Depressione e Cortisolo

  1. Maria Luisa Belledonne says:

    Ho passato un beutto periodo depressivo ed in cura ancora con medicinali neurologi leggendo questo articolo ho capito tante cose. Utilissimo, grazie.

  2. Anna says:

    Purtroppo quasi nessun psicoterapeuta, prende in considerazione, l’attività ormonale e il ciclo circadiana di ogni ormone e la correlazione ormonale. Non misurano mai il Cpk prima e dopo 6_10 sett..di TP, spesso e’ la causa o peggioramento di fibromialgia e astenia. Al inizio della tp, mai dicono ai pz: guardate che il percorso consiste in:psicofarmacoTp+psicoTp+palestra+TP con un regime alimentare corretto .
    A volte in alcuni psichiatri, sembra che la tasca sia più importante che il/la pz in cura. E meno male che non comprende a tutti i psichiatri. E di quello che riguarda al suo articolo,e’ bello e chiaro. Grazie Dr. ssa

  3. stephen says:

    La depressione, specie quella apparentemente non reattiva, e’ spesso indotta da alterazioni tiroidee e surrenali.
    L’inquinamento e lo stress hanno fatto esplodere il numero dei casi di ipotiroidismo subclinico con associati sintomi invalidanti (insonnia, astenia ecc..). Un problema terribile specie per gli over 65, abituati a sentirsi bene perche’ privi di patologie a livello medico. Grazie per il contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.