Terapia della Gestalt

Terapia della Gestalt

Cos’è la terapia della Gestalt

La Terapia della Gestalt nasce nel XX secolo in Germania, grazie allo psicanalista Fritz Perls e si sviluppa sulla scia della Psicologia Umanistica negli Stati Uniti.

Essa si fonda sull’idea che il progresso nella società odierna ha prodotto una forte “ansia nevrotica” nell’individuo.

Questa lo costringe a controllare ogni singolo desiderio e ad annientare la sua innata tendenza ad adattarsi all’ambiente circostante. Il comportamento patologico è quindi l’effetto di una vita mancante di spontaneità: si tenta di essere ciò che non si è, vivendo con schemi ripetuti, privi di creatività, che pian piano si cronicizzano.

L’intento della Terapia gestaltica è quello di amplificare la consapevolezza dell’individuo e di identificare nuove vie più funzionali di stare al mondo.

Essa aiuterà la persona ad entrare in contatto col proprio mondo, i propri bisogni, i propri desideri e le proprie emozioni.

Conoscendo meglio certe parti si sé, talvolta poco ascoltate, si potrà avere una migliore relazione con sé stessi e con gli altri e riuscire quindi a cambiare quei comportamenti che ci appartengono da tanto tempo e che sono fonte di disagio.

La fiducia nel proprio potenziale creativo e nelle proprie risorse favorisce infatti lo sviluppo dell’autostima, necessaria per andarsi a prendere ciò che si vuole e si desidera.

Non è una terapia di sola parola fra terapeuta e paziente perché prevede esercizi “attivi”, svolti nel “qui e ora”. Può essere considerata una “palestra di vita”, dove chi vorrà potrà sperimentare attivamente alcuni comportamenti diversi dal modo abituale di fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *