Attacchi-di-panico-notturni

Attacco di panico notturno e risvegli: cosa fare

Emanuele, 33 anni

“Mi capita spesso di svegliarmi tra le 3 e le 5 di notte. Mi sveglio con una intensa sensazione di ansia, guardo l’orologio consapevole già di che ora sia e penso ‘ci risiamo!’ e da lì comincia il calvario: sento come se ci fosse qualcuno appoggiato alla mia schiena e delle presenze strane nella stanza. Mi ritrovo improvvisamente nel bel mezzo della notte solo, con il cuore che batte forte, con una sensazione di fragilità legata ad una grande impotenza. Passano ore prima che riesca ad addormentarmi nuovamente e la mattina, quando suona la sveglia, faccio fatica ad alzarmi ed andare a lavorare”. Continue reading “Attacco di panico notturno e risvegli: cosa fare”

soma

Somatizzazione: Connessione tra Cervello Mente e Corpo

Quando la mente prende il controllo

“Oh corpo, mio corpo, mio amico e compagno.

Il più gran traditore che la mia vita abbia conosciuto”

Si parla di problemi “Psicosomatici quando c’è un effetto della “Psiche” (la mente) sul “Soma” (il corpo). Continue reading “Somatizzazione: Connessione tra Cervello Mente e Corpo”

1187-il-corpo-intelligente-e-l-allenamento-per-la-mente

Disturbi Psicosomatici

Disturbi Psicosomatici: cosa sono, come si manifestano

La Psicosomatica si colloca a metà strada tra la medicina e la psicologia. Indaga la relazione che intercorre tra mente e corpo, tra emozioni e soma. Ha dunque lo scopo di comprendere gli effetti che le emozioni (la psiche) producono sul corpo (il soma).

I disturbi psicosomatici sono da considerare malattie vere e proprie in quanto comportano danni a livello organico, aggravate da fattori emozionali. Essi forniscono una risposta a situazioni di disagio psichico o di stress.

Le emozioni negative (come il rimpianto, il risentimento, la preoccupazione) possono mantenere il sistema nervoso autonomo in uno stato di eccitazione ed il corpo in una condizione di emergenza continua. A volte per un tempo maggiore di quello che l’organismo è in grado di sopportare.

Anche pensieri troppo angosciosi, a lungo termine, possono provocare tale attivazione, recando danno agli organi più deboli. Continue reading “Disturbi Psicosomatici”

adp

Come aiutare chi soffre di Attacchi di Panico

Attacchi di Panico: cosa si può fare

In terapia mi arrivano sempre più persone che soffrono di attacchi di panico.

Una delle caratteristiche che accomuna molti di loro è che si rendono conto che le persone che hanno intorno spesso non sanno cosa fare per aiutarli.

I familiari, gli amici che vorrebbero essere d’aiuto si trovano in difficoltà su come comportarsi, cosa dire, cosa non dire, cosa fare etc..

Questo succede perché chi non ha mai sofferto di attacchi di panico – fortunatamente- non può capire cosa sta realmente succedendo alla persona che ne soffre. Ciò porta, a volte, a non riuscire ad immedesimarsi nella persona sofferente. Continue reading “Come aiutare chi soffre di Attacchi di Panico”

adpe

Attacchi di Panico

Cosa sono e come si manifestano

“Ho visto la morte in faccia” “Pensavo che mi venisse un infarto, ma arrivata al pronto soccorso tutto è scomparso…” “Ho sentito il respiro venire a mancare” “Avevo l’impressione di impazzire” Spesso le persone giungono in terapia accusando uno di questi disturbi.

Chi ha sofferto di attacco di panico ha un ricordo di quelli che non si dimenticano mai. Il panico è un’interruzione di contatto dovuta ad un qualcosa che ci ha disturbato. Esso, nel 90% dei casi, è accompagnato da un trauma non elaborato subito nel corso dell’anno precedente (un lutto improvviso, un aborto, un fallimento lavorativo, una separazione, etc..). Continue reading “Attacchi di Panico”

ansia

Disturbo d’Ansia

Cos’è il Disturbo d’Ansia

La parola ansia deriva dal latino “angere” e significa “stringere”, infatti la persona che ha questo tipo di disturbo si sente spesso “stretta”, soffocata.

Tale disturbo è accompagnato da varie sensazioni spiacevoli tra cui paura, apprensione, eccessiva preoccupazione e il continuo rimuginare su svariati argomenti, tra cui quello di come fare ad uscire da questo meccanismo.

La persona avrà difficoltà a controllare l’inquietudine (“il pensiero và per conto suo… non riesco a controllarlo”) e, più proverà a scacciare i problemi, più questi si stabilizzeranno nella sua testa. L’ansia è seguita spesso da stanchezza, difficoltà di concentrazione, irritabilità e sonno disturbato. Continue reading “Disturbo d’Ansia”